Rifiuti. Assessore regionale Ambiente annuncia atto di indirizzo per nuovo piano gestione

    7
    Visualizzazioni

    (LNews – Milano) “Siamo in fase di predisposizione dell’atto d’indirizzo del nuovo Piano di gestione dei rifiuti, che sarà orientato all’economia circolare e basato sull’effettivo recupero e non solo di quanto raccogliamo”. Lo ha annunciato l’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, al convegno dal titolo ‘Regolazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani’, organizzato all’Università Bicocca di Milano e, in particolare, dal Centro studi in Economia e Regolazione dei servizi, dell’industria e del settore pubblico.

    MODELLO CHE FUNZIONA – “Il modello lombardo sulla gestione dei rifiuti funziona, perché sta portando all’obiettivo fondamentale della riduzione della loro produzione. Una regione come la Lombardia, che, essendo molto sviluppata e con una popolazione in costante aumento, dovrebbe produrre più rifiuti, ne produce invece sempre di meno” ha proseguito l’assessore, sottolineando come negli ultimi 10 anni i rifiuti siano calati di circa il 10 per cento e come la raccolta differenziata fino al 1995 in Lombardia si attestava a poco più del 10 per cento. “Grazie a una gestione industriale del sistema dei rifiuti oggi abbiamo una situazione ben diversa” ha ricordato, richiamando i dati attuali, dove la raccolta differenziata si attesta al 70 per cento, di cui il 60 per cento circa viene avviato a recupero.

    IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI – In Lombardia sono presenti 13 impianti di termovalorizzazione per la produzione di energia e calore, 68 impianti di compostaggio e circa 3.000 impianti che si occupano del trattamento dei rifiuti. “La raccolta differenziata da sola non basta per far sparire magicamente i rifiuti – ha aggiunto l’assessore -. Occorre tutto il sistema di gestione, che deve consentire recupero e smaltimento, azzerando la discarica. Oggi bisogna spostare l’attenzione dalla raccolta differenziata al recupero effettivo”.

    END OF WASTE – L’assessore ha inoltre ribadito la sollecitazione nei confronti del Ministero dell’Ambiente per l’emanazione dei decreti sull’end of waste: “Occorre che venga emanato questo decreto che consentirà una effettiva regolamentazione, come richiedono le nostre imprese – ha detto -. Questo consentirà la massimizzazione di economia circolare, recupero e riutilizzo. Bisogna sbloccare in fretta questo nodo”.

     

    Leggi l’articolo completo al seguente link:
    http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/lombardia-notizie/DettaglioNews/2019/05-maggio/20-26/rifiuti-nuovo-piano-gestione/rifiuti-nuovo-piano-gestione