Verde pubblico, assessore Rolfi scrive ad Anci: siano i florovivaisti a gestirlo e non gli aspiranti profughi

    3
    Visualizzazioni

    “Devono essere i florovivaisti lombardi a curare il verde pubblico in Lombardia, non gli aspiranti profughi. E per il loro lavoro quotidiano i professionisti devono essere pagati il giusto. Occuparsi dei parchi e delle piante delle nostre città è una professione, non un passatempo”. Questa la sintesi della lettera che l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi ha inviato al presidente lombardo dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.